Sintomi e malattie

Trasfusione di sangue (Trasfusione)

Per compensare la perdita di sangue o di uno dei suoi componenti, si utilizzano come metodi di trattamento le trasfusioni di sangue intero o di emoderivati.

Il sangue è composto da elementi morfologici, cioè

  • globuli rossi (eritrociti)
  • globuli bianchi (leucociti)
  • piastrine (trombociti).

Ognuno di questi componenti del sangue è prodotto dal midollo osseo (in quantità dipendente dalla domanda) e ha funzioni specifiche nel corpo umano.

Indicazioni per la trasfusione di sangue

Non tutte le situazioni di perdita di sangue richiedono una trasfusione di sangue. In caso di perdita di sangue minore, il corpo umano è in grado di compensare la mancanza attraverso una maggiore produzione di sangue nel midollo osseo. Nei casi di gravi perdite di sangue o di mancanza di singoli componenti del sangue (per esempio l’emofilia), la trasfusione viene effettuata con preparati di sangue intero (che contengono tutti i componenti del sangue) o concentrati di sangue (che contengono singoli componenti del sangue). Il plasma (la parte “liquida” del sangue dopo la centrifugazione) è anche usato come prodotto di trasfusione.

Condizioni e situazioni che si qualificano per una trasfusione

  1. emorragia pesante, acuta e pericolosa per la vita:
  • incidenti
  • procedure chirurgiche
  • emorragia interna
  1. perdita cronica o carenza di componenti del sangue:
  • ulcere sanguinanti
  • tumori gastrointestinali
  • danno al midollo osseo
  • disturbi della coagulazione
  1. difetti congeniti, carenze di componenti del sangue:
  • malattie del sangue
  • carenze immunologiche

Attuazione della trasfusione

A seconda della quantità di sangue perso, delle circostanze della perdita, dello stato di salute, dell’età del paziente e di molti altri fattori, una trasfusione è data sotto forma di un’infusione endovenosa (IV) o (più raramente) come una singola iniezione endovenosa. Il test del gruppo sanguigno ABO e Rh viene eseguito per evitare l’incompatibilità tra il sangue del donatore e quello del ricevente. Per valutare la compatibilità prima della trasfusione, viene eseguito un cosiddetto test di cross-matching. Il test di cross-matching è estremamente importante durante la trasfusione a causa dell’esistenza di gruppi sanguigni vuoti (A, B, 0, AB, Rh+/-k e altri che non sono determinati nei test di routine).

Procedura di trasfusione

La trasfusione è di solito effettuata con soluzione salina. Il catetere utilizzato è dotato di un filtro per evitare la formazione di microcoaguli nel sangue trasfuso. Inizialmente, la trasfusione viene iniziata con una soluzione salina per controllare la pervietà dell’intero set, e poi si utilizza un’infusione lenta per osservare se il paziente ha una reazione trasfusionale.

Complicazioni e rischi della trasfusione

  • ematomi
  • infezioni
  • coaguli
  • blocchi
  • reazioni infiammatorie locali dei tessuti perforati
  • Disturbi sensoriali nella zona della puntura dovuti a danni al nervo cutaneo
  • reazioni allergiche (eruzione cutanea, arrossamento della pelle)
  • febbre.

Molto raramente

  • collasso cardio-respiratorio dovuto a una forte reazione di ipersensibilità
  • emolisi (rottura dei globuli rossi)
  • coaguli di sangue e congestione nei polmoni o nel cuore
  • infezioni batteriche e virali dovute al trasferimento di particelle virali dal sangue del donatore.

Le complicazioni di cui sopra sono rare perché il rischio che si verifichino è stato ridotto da esami dettagliati dei donatori di sangue.

Donazione di sangue

Nonostante una grande quantità di ricerche e notevoli progressi medici, non è stato ancora possibile sviluppare una sostanza che possa sostituire il sangue umano. Ecco perché le donazioni volontarie di sangue da persone sane sono così importanti. Il sangue dei “donatori universali”, cioè i donatori di gruppo O, è particolarmente ricercato.

Ogni persona può diventare un donatore volontario di sangue se

  • è in buona salute
  • ha più di 65 anni
  • pesa più di 45 kg.

I centri per la donazione di sangue si trovano in ogni città (circa 500 in Polonia). La donazione di sangue è completamente sicura, il personale medico utilizza attrezzature sterili monouso, e la perdita di sangue non provoca alcun danno alla salute del donatore, il sangue si rinnova molto rapidamente e dopo poche ore la sua quantità ritorna normale.

Il sangue può essere donato ogni 8 settimane, fino a 450 ml ogni volta (donne 4 volte all’anno, uomini 6 volte all’anno).
Portate con voi la vostra carta d’identità!

I benefici della donazione volontaria di sangue

  • aiutare le persone in difficoltà, spesso salvando loro la vita
  • ottenere risultati di test di laboratorio gratuiti per il tuo sangue
  • ricevere l’equivalente di 4.500 kcal (di solito sotto forma di cioccolato)
  • essere esonerati dal lavoro e dalla scuola il giorno in cui si dona il sangue.

Il sangue non può essere donato da persone che:

  • hanno o hanno avuto: epatite B o C o altre malattie infettive, AIDS, sifilide, ipertensione, diabete, epilessia, tubercolosi
  • hanno avuto un attacco di cuore o un ictus
  • soffrire di mancanza di respiro o di febbre da fieno
  • hanno recentemente subito un intervento chirurgico minore, come il trattamento dentale o le vaccinazioni
  • stanno prendendo l’aspirina (perché fluidifica il sangue)
  • avere una temperatura elevata o febbre il giorno della donazione programmata.

Le donne che hanno le mestruazioni, sono incinte o fino a 12 mesi dopo la gravidanza non possono donare sangue.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.