Sintomi e malattie

Pressione sanguigna bassa

La pressione bassa (ipotensione) è quando la pressione sanguigna sistolica è inferiore a 100 mmHg.

Normalmente, l’ipotensione non è una malattia, ma una caratteristica individuale di una persona. Di solito, non provoca alcun disagio. Tuttavia, c’è un gruppo di persone che si lamentano di sensazioni spiacevoli associate ad esso.

L’ipotensione è una malattia quando non abbastanza sangue può raggiungere il cervello, causando un disturbo nella funzione cerebrale.

TIPI DI IPOTENSIONE

  • Primaria – associata a sintomi derivanti da ipotensione cronica persistente; queste sono anche condizioni di bassa pressione sanguigna, in cui la causa primaria non può essere stabilita,
  • secondario (sintomatico) – che si verifica come uno dei sintomi di una malattia.

SINTOMI DI BASSA PRESSIONE SANGUIGNA

Una pressione sanguigna persistentemente bassa può provocare una serie di sintomi percepiti soggettivamente.

  • malessere generale: stanchezza permanente, pesantezza, apatia, sonnolenza
  • vertigini e mal di testa (soprattutto nella zona frontale)
  • svenimento
  • mani e piedi freddi
  • visione nebulosa e sfocata
  • palpitazioni (il paziente sente il suo cuore battere)
  • respirazione rapida e superficiale
  • disorientamento
  • nausea
  • Perdita temporanea di coscienza.
  • Ci sono alcune situazioni che possono esacerbare i sintomi dell’ipotensione.

Questi includono, per esempio

  • eccessivo sforzo fisico
  • Aumento della temperatura ambiente.

In caso di calo improvviso della pressione sanguigna, di svenimenti o della comparsa di pressione bassa nei bambini, nelle donne incinte e negli anziani, bisogna consultare immediatamente un medico.

CAUSE DI BASSA PRESSIONE SANGUIGNA

Cause della pressione bassa:

  • l’assunzione di alcuni farmaci, come gli antidepressivi o i farmaci per abbassare la pressione sanguigna usati per la pressione alta
  • diabete mellito, che causa soprattutto ipotensione ortostatica
  • grave trauma con conseguente perdita di grandi quantità di sangue
  • malattie come l’infarto del miocardio o l’insufficienza surrenale (malattia di Addison)
  • insufficienza circolatoria
  • malattie infettive
  • ustioni estese
  • vecchiaia
  • gravidanza
  • condizioni genetiche.

L’ipotensione ortostatica è una forma importante di ipotensione. Questo è il verificarsi di una bassa pressione sanguigna associata a cambiamenti nella posizione del corpo (ad esempio dopo che un paziente si alza improvvisamente da una posizione sdraiata). Normalmente, il corpo umano aumenta la pressione sanguigna in questo punto in modo che il sangue non si accumuli nelle parti inferiori del corpo (arti inferiori) e sia diretto al cervello e ad altri organi vitali. In un paziente con ipotonia ortostatica tale reazione non è sufficiente.

Fattori che causano ipotonia

  • tutte le cause elencate sopra
  • vene varicose
  • disturbi del sistema nervoso autonomo, più precisamente della sua parte simpatica (nel diabete, malattia di Parkinson, polineuropatie).
  • A volte la pressione bassa si verifica in persone che si allenano intensamente, per esempio gli atleti.

DIAGNOSI DI PRESSIONE BASSA

Il primo passo nella diagnosi è un’intervista e un esame medico dettagliato.

Il test di base consiste nel misurare la pressione sanguigna con uno sfigmomanometro (misuratore di pressione sanguigna) su entrambi gli arti superiori. A volte è necessario anche il monitoraggio quotidiano della pressione sanguigna. Bracciale per la pressione sanguigna applicato correttamente

Test eseguiti per la diagnosi di ipotensione

  • Analisi del sangue (livello di glucosio nel sangue, emocromo)
  • ECG (può mostrare ritmo cardiaco irregolare, sintomi di ischemia cardiaca, ecc.)
  • ECHO heart scan – un metodo di imaging per esaminare il cuore e i vasi sanguigni utilizzando gli ultrasuoni
  • Test da sforzo ECG – eseguito durante uno sforzo fisico, ad esempio camminando su un tapis roulant in movimento
  • Test ortostatico – il paziente giace tranquillamente su un divano per diversi minuti e poi si alza rapidamente. Durante questa manovra, la pressione sanguigna viene misurata e confrontata con la pressione di base misurata prima e durante il riposo.

TRATTAMENTO DELLA PRESSIONE BASSA

Il medico può prescrivere un trattamento farmacologico con:

  • diidroergotamina, un farmaco che previene lo sviluppo di ipotensione ortostatica
  • farmaci che stimolano il sistema nervoso simpatico
  • mineralocorticosteroidi
  • eritropoietina, un ormone che stimola la produzione di globuli rossi (eritrociti) nel midollo osseo.

È estremamente importante trattare le malattie con bassa pressione sanguigna.

In caso di sincope o reazione ortostatica, il paziente deve essere disteso con gli arti inferiori sollevati. Inoltre, il paziente dovrebbe imparare a riconoscere una sincope imminente e adottare profilatticamente una posizione seduta per prevenirla.

CONSIGLIO DEL MEDICO

✓ DO:

  • aumentare l’assunzione di liquidi (2-3 litri al giorno)
  • mangiare spesso ma a piccoli pasti
  • partecipare a sport ed escursioni che allenano il sistema cardiovascolare – nuoto, ciclismo, passeggiate all’aperto
  • ricevere massaggi e idroterapia
  • dormire con il corpo ad un angolo di circa 20°.

NON FARE:

  • passare troppo tempo al sole
  • rimanere troppo a lungo in posizione eretta
  • fare sforzi fisici improvvisi ed eccessivi
  • alzarsi dal letto troppo in fretta
  • Mangiate cibi pesanti o pesanti.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.