Sintomi e malattie

Angina pectoris

Angina pectoris, angina pectoris, malattia coronarica – questi sono i nomi dei caratteristici dolori al petto che si verificano quando la richiesta di sangue da parte del muscolo cardiaco (ossigeno contenuto in esso) è maggiore della capacità delle arterie coronarie che lo alimentano. La causa è di solito la presenza di placche aterosclerotiche (cambiamenti degenerativi associati alla deposizione di corpi grassi nelle loro pareti).

TIPI DI ANGINA PECTORIS

Angina da sforzo – tipica per l’insufficiente flusso di sangue al muscolo cardiaco dopo uno sforzo fisico significativo, specialmente con il freddo, dopo un pasto o in connessione con l’esperienza di forti emozioni. Il dolore passa dopo un periodo di riposo.

Angina notturna (chiamata anche angina di Prinzmetal) – dolore spontaneo dovuto al restringimento di una delle arterie coronarie importanti, più comune nelle donne, tende a verificarsi al mattino; raramente la sua causa diretta è lo sforzo fisico.

L’angina ascendente (crescendo) è il risultato di una stenosi molto grave di un’arteria coronaria importante, e a volte la sua causa immediata è l’occlusione di un vaso da parte di un trombo.

L’angina instabile si verifica tranquillamente, come quando il paziente va a letto. È causata dalla presenza di un trombo e in un terzo dei pazienti si conclude con un infarto.

SINTOMI DI ANGINA PECTORIS

Un sintomo tipico dell’angina pectoris è il dolore o una sensazione di schiacciamento al centro del petto (dietro lo sterno), che si verifica con uno sforzo fisico o nella vampata di forti emozioni. Il dolore può essere schiacciante, palpitante o pulsante, anche se a volte il paziente lo descrive solo come un dolore o una sensazione sgradevole in questa zona. C’è anche dolore dopo un pasto pesante o durante un vento freddo. Il dolore che si verifica a seguito di un grande sforzo diminuisce dopo il riposo.

Il dolore può irradiarsi alla gola, al braccio sinistro o a entrambe le braccia, o alla schiena. La posizione del dolore può variare o può essere sentito costantemente in un posto particolare, come il polso sinistro.

Il medico può anche rilevare sintomi comorbidi:

  • ipertensione;
  • ipercolesterolemia;
  • caratteristiche dell’insufficienza circolatoria;
  • gialli – deposito di sostanze grasse nella pelle.

DIAGNOSI DI ANGINA PECTORIS

La diagnosi clinica di malattia coronarica si basa sulle caratteristiche del dolore descritto dal paziente durante l’anamnesi, la sua localizzazione e la sua eventuale risoluzione dopo il riposo. Spesso vengono eseguite le seguenti indagini:

  • esami del sangue morfologici per escludere l’anemia;
  • test di funzionalità tiroidea per escludere una malattia della tiroide;
  • urea ed elettroliti nel sangue per rivelare un’insufficienza renale o il diabete mellito;
  • elettrocardiografia (ECG) che è spesso normale tra gli attacchi di angina;
  • studi di imaging – scintigrafia da sforzo con tallio radioattivo, spesso insieme a un test da sforzo su un tapis roulant in movimento;
  • cateterismo cardiaco e angiografia coronarica quando la diagnosi
  • quando la diagnosi è in dubbio;
  • scintigrafia con acquisizione di immagini gated (MGA) o ecocardiografia da sforzo (test con dobutamina) per individuare le aree del muscolo cardiaco che non funzionano correttamente.
  • Fattori di rischio
  • Si possono elencare molti fattori che predispongono alla malattia coronarica. Alcuni di questi sono permanenti, mentre altri che derivano principalmente dallo stile di vita possono essere influenzati:

Fattori immutabili:

  • Carico familiare;
  • sesso maschile;
  • Processi di invecchiamento.

Fattori mutevoli:

  • carenza di attività fisica;
  • fumare;
  • ipertensione;
  • una dieta povera;
  • ipercolesterolemia.
  • I pazienti con malattia coronarica dovrebbero essere resi consapevoli dell’importanza di cambiare questi fattori.

Il fumo è un fattore di rischio per l’angina pectoris. La cessazione del fumo fa parte del trattamento di questa condizione.

TRATTAMENTO DELL’ANGINA PECTORIS

Il trattamento dell’angina dipende dalla sua causa primaria, ma dovrebbe principalmente includere cambiamenti nei fattori aggravanti dello stile di vita: smettere di fumare, liberarsi del peso in eccesso, ridurre i grassi nel cibo ed evitare situazioni stressanti. Il trattamento include:

  • farmacoterapia – la nitroglicerina è data per alleviare gli attacchi di dolore acuto, e l’uso a lungo termine di betabloccanti, antagonisti dei canali del calcio, anticoagulanti e farmaci che abbassano i lipidi;
  • trattamento chirurgico – angioplastica con palloncino, che comporta la dilatazione dell’arteria ristretta con un palloncino soffiato, o by-pass utilizzando una sezione di vena presa da un’altra parte del corpo (di solito l’arto inferiore).

PROGNOSI E INCIDENZA

L’angina pectoris non trattata finisce in molti casi con un infarto miocardico. La presenza di angina nei familiari stretti aumenta il rischio di sviluppare la malattia del 20-30%. La malattia è la principale causa di morte nei paesi sviluppati, soprattutto tra gli uomini anziani. È negli uomini che si verificano lesioni coronariche premature, ma nelle donne in postmenopausa l’incidenza di queste lesioni aumenta, eguagliando quella degli uomini nella stessa fascia di età.

Risultati della chirurgia
L’angioplastica con palloncino ha inizialmente successo nel 95% dei pazienti, ma il 30-40% deve essere ripetuto. La circolazione di bypass con un innesto venoso è attiva nel 95% dei pazienti a 1 anno e nel 70% a 5 anni.

L’innesto dell’arteria toracica interna persiste dopo 10 anni in circa il 75% dei pazienti con malattia coronarica. In casi gravi di angina, si può creare una circolazione di by-pass. La sezione bloccata dell’arteria coronaria viene bypassata cucendo una sezione di vena presa dall’arto inferiore del paziente.

CAUSE DI ANGINA PECTORIS

Il dolore nella malattia coronarica è causato dall’accumulo di prodotti metabolici tossici (noti anche come prodotti di scarto) nel muscolo cardiaco. L’ischemia miocardica è associata a una domanda di ossigeno non soddisfatta. Il deterioramento dell’apporto di sangue ossigenato attraverso le arterie coronarie può essere causato da focolai aterosclerotici nelle pareti e dalla progressiva cicatrizzazione, dallo spasmo di un’arteria coronaria o da un embolo (un trombo depositato in essa), o dal restringimento di una delle arterie principali o di un suo ramo.

Il dolore al petto è uno dei disturbi più comuni che i pazienti presentano ai medici di base. Tuttavia, a parte il restringimento o il blocco di un vaso coronarico, questo tipo di dolore può avere molte altre cause.

Il dolore simile alle arterie coronariche può verificarsi in gravi anemie e in alcune malattie della tiroide, anche se c’è poco cambiamento nelle arterie coronariche stesse. Il dolore cronico al petto può anche essere associato al reflusso di succo gastrico nell’esofago, spesso a causa di ernie iatali o spasmi esofagei.

Tuttavia, quando il dolore è di origine cardiaca, è spesso scatenato da uno sforzo o da una posizione sdraiata, e generalmente non dura più di qualche minuto.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.